Albana_secca_IGP_Ravagli

Benvenuta Amedea: albana secca con una storia dentro

E’ da un po’ che non scrivo sul mio blog per aggiornarvi: un motivo c’è… Stavo lavorando ad un nuovo vino, Amedea Ravenna Bianco IGP, un’albana secca.

La lancio in prossimità della festa della donna, in un momento veramente impegnativo per il nostro paese e la nostra economia: lo faccio partendo da un vino nuovo, con una storia dentro. Come tutti i miei vini.

Amedea è il nome di mia nonna paterna. Nonna Amedea ha sempre vissuto con noi nella nostra vecchia casa che, ora, è la mia cantina. La stessa che avete visto voi tante volte quando venite in azienda a trovarmi per gli eventi o ad acquistare il vino.

Nonna Amedea era una donna di una volta: decisa nei lineamenti e nel carattere e autoritaria. Legata alla campagna e alle tradizioni: la classica zdòra romagnola, per intenderci.

L’Albana è un vitigno molto legato alla nostra tradizione, corposo, di buona struttura e asciutto. Un colore oro, quasi ambrato: per me è un rosso vestito da bianco per intenderci proprio per il suo “carattere” deciso.

Come sapete, dietro ogni mio vino c’è una storia che parte dalla campagna e riporta a me, alla mia famiglia, al mio modo di essere e di fare: nonna Amedea e l’Albana hanno lo stesso carattere e quando penso a lei, penso a questo vino.

Albana_secca_IGP_Ravagli

Presentarvelo in prossimità della festa della donna è poi simbolico per me: non mi nego mai davanti ad un progetto tutto al femminile, collaboro volentieri con le mie colleghe per portare avanti un obiettivo comune. Sono convinta che la forza delle donne sta proprio nelle donne stesse, nel supportarci, nel motivarci, nell’aiutarci e nel darci la forza l’una con l’altra.

Lo donne lo sanno… le donne l’han sempre saputo…

E allora vi invito ad assaggiarlo questo vino: al mercato di Campagna Amica di Via Canalazzo, il martedì e sabato mattina e il venerdì pomeriggio e ai mercati contadini di Piazza della Resistenza (Ravenna) il lunedì e giovedì pomeriggio.

Nota tecnica per gli appassionati: i nostri vini bianchi vengono fermentati in maniera tradizionale senza temperatura controllata e sostano 3 giorni sulle vinacce,da qui questi colori e sapori decisi.

Se ti piace l’Albana, ti consiglio anche la Braghira, la mia Albana dolce

Albana dolce di Romagna: vi presento la Braghira!

Albana dolce di Romagna: vi presento la Braghira!

La “Braghira” è un vino dolce ottenuto da vitigno albana. Il suo profumo è molto fruttato con un sentore spiccato di albicocca, dolce, giallo paglierino intenso da servire ad una temperatura che può andare dai 10 ai 12 gradi in calici non troppo grandi.

Come abbinare la Braghira: le frittelle di pasta

Come abbinare la Braghira: le frittelle di pasta

Una ricetta della mia infanzia e un abbinamento originale con una ricetta di recupero. Provatela e non vi pentirete!!!

Acquista la Braghira nel mio shop online!

Acquista la Braghira nel mio shop online!

Molto buona abbinata ai dolci secchi della nostra tradizione ma se vi piace qualcosa di diverso, a fine pasto, potete provarla con un formaggio di fossa e miele o con un pecorino ben stagionato e confettura.

You may also like

Leave a comment

12 − 9 =