Vendemmia 2016: la mia tradizione romagnola

Vendemmia 2016: il mio incontro con la tradizione

La vendemmia è un incontro di persone, di famiglia, di profumi e sapori che si ripetono come da tradizione. Tante volte ho avuto modo di parlare del cosa è per me la vendemmia. Lo scorso anno avevo scritto ben due post: uno prima e uno dopo.

LEGGI: Come prepararsi alla vendemmia 

LEGGI: Vendemmia 2015, i primi assaggi

Quest’anno ho deciso di dedicare alla vendemmia 2016 un articolo fotografico che racconti, a lavori conclusi, le fasi e i procedimenti in modo più famigliare.

Quindi una giusta premessa va fatta: se vi aspettate un post tecnico e “agricolo” ne rimarrete delusi. Il blog, come sapete, è il mio diario personale e non è mia intenzione caricarvi di termini tecnici e procedimenti meccanici: quelli ci sono e ci saranno sempre, ma se fatti in famiglia, con un bel gruppo di lavoro (che nel caso della mia azienda è consolidato da diversi anni), le tradizioni, l’ascolto della natura e i ricordi prendono il sopravvento e lasciano anche qualcosa di più che la mera soddisfazione di aver concluso un lavoro.

Vendemmia 2016: il nostro viaggio è iniziato il 15 settembre

vendemmia2016_giorno1_uva_moscato

Uva moscato per uno Spumante aromatico dolce e profumato!

Le giornate di sole sono state perfette per raccogliere e pigiare le uve da cui otterrò il Ravenna Rosso che vi piace tanto 

vendemmia2016_ravennarosso

vendemmia2016_ravennarosso_aziendaravagli

vendemmia2016_ravennarosso_alessandraravagli

Rimontaggio del Ravenna Rosso: ha profumi aperti grazie alle uve del Merlot, Marzemino, Ciliegiolo e Ancellotta

vendemmia2016_rimontaggio_ravennarosso

vendemmia2016_ravennarosso_rimontaggiovino

La vendemmia a casa Ravagli non è solo duro lavoro: c’è anche il tempo della pausa e delle mangiate in compagnia che rinforzano i legami!

vendemmia2016_aziendaravagli

La pausa della metà mattina

 

vendemmia2016_alessandraravagli_pranzi

Il pranzo

Un vitigno autoctono: le uve di Famoso, un tempo abbandonate perchè troppo profumate, sono per noi molto importanti. Otteniamo il Ravenna Famoso IGP e lo spumante extra dry.

vendemmia2016_uva_famoso_aziendaravagli

5 ottobre: la vendemmia 2016 si conclude con il Trebbiano e con una tradizione tipica: la saba.

vendemmia2016_vigna_trebbiano_aziendaravagli

Per non farmi mancare niente, poichè la vendemmia a casa Ravagli quest’anno si è conclusa con il Trebbiano, ho deciso di preparare anche la Saba.

Il succo del trebbiano appena pigiato va fatto bollire immediatamente prima che cominci ogni tipo di fermentazione e per le prime 3/4 ore è da pulire continuamente perché in superficie fa una sorta di schiuma abbastanza densa. Un lavoro che richiede tempo e pazienza .
La Saba per essere densa e buona deve bollire davvero tanto …dalla quantità iniziale si deve ridurre a un terzo.
Per darvi un’idea la mia ha bollito due giorni.

Per sapere come abbinare la saba ho scritto uno dei post più letti del mio blog:

Come si usa la saba in cucina

Puoi acquistarla anche online e se ti iscrivi alla mia newsletter riceverai un piccolo buono sconto per i tuoi acquisti nel mio shop online!

Dalla mia cantina a casa tua

Dalla mia cantina a casa tua

Ogni mese ti invio la mia newsletter che è un po' il mio quaderno di campagna con aggiornamenti, consigli, eventi e offerte speciali!